Spuntini originali per una #quarantena SLURP!

640 468 Ines Mezzanotte

Le ferratelle: dall’origine alle ricette.

Da dove arrivano?

Le ferratelle, chiamate anche neole sono una delle ricette abruzzesi più conosciute, eppure fuori dalla regione capita spesso di doverle presentare!

Al di là del nome, la loro preparazione prevede numerose varianti, a seconda del paese o della zona di provenienza.

Anticamente, erano i fabbri a costruire gli arnesi per poter realizzare la ricetta, lavorando fantasiosamente il ferro per ottenere svariati decori. Il più classico è sicuramente quello “a griglia”, che sembra imitare il motivo di un cancello, di una rete, o meglio quello dei moderni waffles.

Dapprima utilizzati nei camini, gli arnesi indispensabili per la ricetta, erano realizzati in pesante ferro.  Oggi, per permettere alla ricetta di adattarsi ad usi e costumi, l’utensile è divenuto esile e pratico, di una misura adatta agli attuali e moderni piani cottura oppure elettrico.

Che differenza c’è tra i diversi tipi di utensile?

Per fare le ferratelle, è consigliato utilizzare l’apposito utensile in alluminio alimentare e Made in Italy che pur ad altissime temperature ne garantisce la salubrità, come l’originale abruzzese.

Possiamo avere due tipi di risultati, un biscotto rigido e sottile, simile a un’ostia o a una cialda, oppure uno più spesso e morbido, simile ai waffles.

Gli stampi con la lavorazione più sottile, sono più adatti ai primi mentre quelli con scanalature più profonde sono adatti ai secondi. Le diverse lavorazioni danno risultati estetici diversi, infatti anche l’occhio vuole la sua parte!

Esistono inoltre gli stampi per le “noci dolci” che si differenziano dagli altri perché la lavorazione appare piena di piccole forme concave e convesse che sovrapponendosi permettono di ottenere tanti biscottini a forma di guscio di noce da farcire e accoppiare.

Dolce o salato?

Il bello di questa ricetta è proprio la sua versatilità! Gli utensili infatti, si prestano a ricette dolci o salate a seconda dell’occasione permettendo così di soddisfare facilmente ogni palato.

Gli ingredienti della tradizione variano a seconda della ricetta, che sia essa dolce o salata, e sono: uova, zucchero o sale, farina, lievito, latte e olio.

La ricetta è perfetta da fare in casa in qualsiasi momento proprio per la semplicità dei suoi ingredienti.

Si presta perfettamente ad esigenze dietetiche di ogni tipo perché è facile da adattare. Per una dieta priva di glutine è sufficiente sostituire la più classica farina con una di riso, per una priva di zuccheri è possibile utilizzare la stevia o lo xilitolo, ed è possibile anche preparare una variante veg!

Le ricette: dolci o salate, tradizionali o rivisitate.

Le varianti sono tante, il risultato sarà sempre spaziale! Una ricetta della tradizione italiana non può mai deludere.

La raccomandazione generale è quella di accendere la biscottiera elettrica quando state per amalgamare l’impasto oppure di riscaldare lo stampo manuale, quello classico da fornello, alla fine della preparazione dell’impasto.

Ve ne suggeriamo qua alcune, ma sappiamo già che ne troverete tante altre nei vostri fidati libri di cucina o nel web che faranno al caso vostro, l’ingrediente segreto è sempre la fantasia!

La ricetta delle cialde dolci 

Le ricette dei waffles rosa senza glutine 

La ricetta dei waffles veg integrali

link alla ricetta

La ricetta dei waffles salati

La ricetta delle ostie

 

Speriamo di averti ispirato! Trovi queste e altre idee nella nostra pagina Facebook e Instagram!

 

 

 

 

AUTORE

Ines Mezzanotte

Tutte le storie di: Ines Mezzanotte

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.